lunedì 5 maggio 2008

Ah bene, non sono sorda. Per ora.



Nel post precedente avevo omesso un piccolo dettaglio: durante il ponte sono partita con due tonsille come due uova alla coque e sono tornata completamente sorda a un orecchio.

Ho passato l'ultimo giorno a dire a Magno EEEEEHHH?? e lui a ripetere più o meno 3 volte ogni singola frase ogni volta che si trovava alla mia destra (la parte sorda, più del solito).

Ho provato a usare ogni possibile rimedio casalingo conbsigliato dalle farmacie di 3 regioni: citrosivina, otalgan antiotite, audispray, ma niente. Sentivo solo un fischio fisso e nient'altro. L'orecchio destro era diventato un accessorio utile solo a reggere gli occhiali - almeno quello - e stavo iniziando a sentirlo come un impiccio. Mi sono vista per un attimo come Van Gogh, che magari non era tanto pazzo, ma solo sordo.

Beh insomma, oggi sono andata al lavoro sperando che nessuno mi rivolgesse la parola - specialmente a destra - e grazieaddio sono riuscita a prenotare la visita dall'otorino laringoiatra.
Arrivo ad Inganni, in mezzo al nulla a 150 fermate di MM dal mio lavoro e resto colpita dalla modernità e efficiiiienza - come direbbe Vacca - della struttura.
All'accettazione tutto il personale è vestito ultratrendy con gilet gessato con i bottoncini ultra à la page, coordinato con gonna a portafoglio grigi. Veloci, gentili e sorridenti mi indicano la strada della Sala Rubino, dove una volta arrivata mi avrebbe suonato il cercapersone per indicarmi in che stanza entrare. Fighissimo!

Il dottore è fantastico. Ha 90 anni a dir poco ma mi sorride come a una nipotina e mi dice frasi rassicuranti del tipo "una ragazza così giovane non può avere problemi di udito.. si dieda qui". Mi fa subito simpatia, anche quando mi infila strani strumenti nell'orecchio mentre mi aspira anche il cervello. Finalmente sento stereo! Ah!!!!
Alla fine chiedo di fare l'esaume audiometrico ma lui non cede, fino a quando con aria innocente mi domanda se ci sono casi di sordità in famiglia e io rispondo "sì tutti da lato paterno" e lo convinco.

Chiama dentro "la ragazza" che mi fa utti gli esami. Quando senti un bip clicca qui, quando senti a siniztra alza la mano, mettiti questa cuffia, ecc. ecc..
Rientriamo e il doc cariatide esordisce "non andiamo mica tanto bene..."
io: "eh, glielo dicevo che non sento"
lui: "non sente le onde medie, quelle della voce umana"
io: "cosa??" ;-)

Insomma, pensa di scoraggiarmi e quasi ha paura nel dirmi che fra 20/30 anni dovrò mettere l'apparecchio acustico. Io lo guardo impassibile e rispondo, sempre meglio che metterlo a 30.
Faccio le mie solite domande da curiosa ai dottori che tanto mi affascino e mi accorgo che il doc ha degli strani tic. Ogni tanto si blocca su alcune parole. All'inizio sembra balbuziente ma poi capisco che deve essere un problema neurologico o qualcosa di simile.
A un certo punto si blocca in mezzo a una frase e dice fissando un punto "mmmh, c'è un rumore che mi dà fastidio!" tanto che penso che lo stia dicendo per mettermi alla prova, ma in effetti si riferisce all'aspira cervello che aveva lasciato acceso.
Insomma, alla fine il dottore mi congeda e io me ne vado con la certezza di una sordità precoce, ma perlomeno ora sento (poco) stereo.

A casa racconto tutto a mia sorella che mi dice: "Ah beh, in famiglia o sei zoppo o sei sordo. Io sono sicuramente zoppa, tu per il calcolo delle probabilità dovevi per forza essere sorda".
Che dire... non vedo l'ora di imparare il linguaggio dei sordi.
Ah! Che bella famiglia che siamo. Di nome e di fatto.

5 commenti:

Simo ha detto...

allora non ho ancora letto tutto il post, ma volevo fare il figo ad essere il primo a commentare.
prometto però che l'indomani mattina farò una lettura completa ed un commento relativo alla 'completa' ah no lettura... :)

Pizzulata

lol ha detto...

Ci credo che non l'hai letto tutto.. sono logorroica! Sai, noi sordi dobbiamo sfogare in altri modi e tamponare l'assenza di suoni. :D

Simo ha detto...

AHAHA...per iniziare..hai descritto proprio bene..mi sono visto la scena davanti..tu che domandavi e lui che risponde lento lento...ma ti dato una caramella o un leccalecca dopo la visita?...

Ma alla fine qual'è il risultato finale? Ti ha solo stappato da un orecchio e ti ha detto che diventerai sorda a 60anni? o c'è altro...no intiendo ;)

Ecco il commento completo come promesso esso esso ;)

Pizzulata

Podmork ha detto...

Nella mia famiglia o si è ciechi o ci si vede benissimo. io sono l'unico "indeciso".

PippaW ha detto...

Io mi impegno sin da ora ad imparare il linguaggio dei sordi per comunicare con te quando avrai 70 anni (tanto vivremo ancora insieme) ma tu mi spingerai la carrozzella?

Non vedo l'ora!