lunedì 30 giugno 2008

La mia vita nell'orto



Dopo aver digerito la notizia che io stessa mi sono data circa il mio futuro lavorativo, questo week-end mi sono dedicata a una nuova attività: la designer d'interni, ma soprattutto d'esterni.
Volgarmente si potrebbe dire che ho fatto l'animale da soma trasportando pesantissimi mobili e materassi e piatti e quadri su e giù per le scale e per le strade di Piola e che mi sono rotolata nella terra per domare un giardino selvaggio, ma il risultato è talmente soddisfacente che quasi quasi mi sembra di aver fatto un quadro da esporre al MoMA.

MM ha dunque traslocato e io l'ho dunque aiutato apportando quel tocco di indie femminilità che serviva per completare l'opera d'arte.

Dopo aver arredato il salotto (BEL-LO!) e parzialmente le camere da letto, siamo andati da Ingegnoli - vivaio cult dei milanesi - per acquistare piantine aromatiche ma soprattutto strumenti indispensabili per la gestione della jungla che ci aspettava.
Mentre camminavo per i corridoio fatti da siepi mi è tornata in mente l'altra mia idea fantastica che attualmente non posso portare avanti per mancanza di fondi. Diamoci tempo...

Appena tornata, con il sole che mi bruciava il cervello mi sono messa con il sedere verso il cielo e la faccia nella terra per riorganizzare le ragazze (le piantine). Taglia di qua, pianta di là, lega di su, innaffia di giù, spazza, riordina, butta sacchi pieni di foglie, alla fine tutto scintillava.

Nel frattempo MM, maschera di sudore, trasportava letti interi sulle spalle per 5 piani di scale seguiti da pesantissime librerie. Forse a causa del mio stretto rapporto con i fiorellini là fuori mi aspettvo di girarmi e vederlo diventare verde da un momento all'altro e come Hulk strapparsi i vestiti per i muscoli.

Infine, dopo 2-3 docce a testa e una capatina all'Ikea per alcuni piccoli ritocchini, la casa era finalmente (quasi) completa.

Abbiamo stappato una bottiglia di champagne, io ho preparato qualche tartina e ci siamo goduti il nostro aperitivo nella quiete e allegria del giardino più bello di Milano. E chi si muove adesso! :-D

(Se solo avessi avuto una macchina fotografica la foto sarebbe stata più suggestiva, ma disponendo solo di un iPhone, ecco qui il massimo che posso mostrare)

13 commenti:

Annam ha detto...

non vedo l'ora di vedere l'opera d'arte ;).
ps: il mio sogno recondito 2 è fare la vivaista.

Margot Mood ha detto...

anche il mioooooooo!!!! Rotter, facciamolo! ;-)

leoperla ha detto...

ragazzi che classe! champs di giorno in giardino.. lol nn si batte

Lawrence Oluyede ha detto...

Io ho un orto e un paio di giardine con un numero spropositato di piantine. Se vuoi divertirti... :D

Anonimo ha detto...

Se ti serviva un consiglio, io ho il pollice verde nel mio dna! Lorenzo

Margot Mood ha detto...

Siiiii!!! Se riesco a non uccidere tutte le piantine rigogliose (ad oggi) a casa di MM vengo a riordinare i giardini di tutti.
Mio mentore ovviamente sarà Lorenzo :-)

palbi ha detto...

ma di che piantine si parla?

Margot Mood ha detto...

@palbi di quelle per fare i sughetti, NON di quelle per fare i dolcetti spaziali ;-)

Simo ha detto...

Mia mamma tre settimane fa mi ha regalato una piantina di basilico e ancora resiste..ma non è che stia tanto bbbne..puoi curarla tu?

Ho provato anche con la birra ma le foglie non reagiscono..davo la birra così...un pò a lei un pò a me..un pò di più a me un pò di meno a lei..

'L'erba di Margot' DVD in uscita

Pizzulata

Margot Mood ha detto...

Caro @pizzulata prova con il bicarbonato... a volte aiuta a far digerire la birra ;-)

PippaW ha detto...

Zappettare e piantare è bellissimo. E avete fatto un lavoro stupendo!!

Che bello ricordo ancora quando mi prendevi in giro a morte per i miei pomeriggi passati nei vivai.

Ah! Menomale che poi anche tu hai compiuto 30 anni. A quando la maglia? ;-D

Cristian Conti ha detto...

io dopo cinque anni dall'ultimo trasloco ho ancora dei quadri in giro da appendere e qualche scatolone ramingo con della roba di cui ignoro l'esistenza..

Non parliamo del terrazzo, dove è un cimitero di vasi e terra secca dove un giorno vivevano piantine e fiorellini :|

Margot Mood ha detto...

@Cristian vengo io a mettere a posto il terrazzo!!! In cambio mi basta una limonata fresca (con i limoni del giardino, ovvio) :-)