lunedì 14 luglio 2008

Sigur Rós all'Arena Civica di Milano




Se mi chiedessero qual è la canzone più emozionale e toccante che abbia mai sentito in vita mia risponderei sicuramente Svefn-G-Englar dei Sigur Rós. Ed è proprio con questo pezzo che ieri sera hanno aperto il loro incredibile concerto all'Arena civica di Milano immersi in una cornice di lampi che squarciava un cielo carico di nuvole grigie e rosa.

La pioggia non ha mai smesso di scendere fino a quando i Sigur Rós hanno fatto il loro ingresso con corone in testa, fiati vestiti di bianco, violiniste che sembravano ninfe, e con l'incredibile voce di Jón Þor (Jónsi) Birgisson magicamente non è scesa più una goccia.

Hanno suonato in una scenografia fatta di sfere luminose, fumi avvolgevnti, luci rosse e neve artificiale che scendeva dall'alto sul pubblico che li guardava a bocca aperta.

E' stato un concerto di un'atmosfera incredibile, il suono era perfetto, loro assolutamente toccanti, energici e totalmente coinvolgenti.

Dopo il primo bis il pubblico era talmente entusiasta che sono usciti una seconda volta per raccogliere gli applausi scroscianti e le grida entusiate.

E' stato semplicemente uno dei migliori concerti che Milano ci abbia regalato negli ultimi anni.

11 commenti:

Filippo ha detto...

beato chi si li e` visti!
w i sigur!

ANTONIO ha detto...

un'esperienza mistica
toni

Lawrence Oluyede ha detto...

A me piace un sacco anche Hoppipolla http://youtube.com/watch?v=_EyI4p0yjDQ

minor ha detto...

Anche io c'ero..
Da solo e concentrato.
Vedendo la posizione da cui hai scattato la foto immagino meglio quale effetto scnico possa avere dato lo spettacolo dal tuo punto di vista.
Io ero sulle gradinate, non in posizione centrata e visivamente non è stato davvero possibile cogliere quello che tu hai visto.
In ogni caso:
Sono rimasto fermo ad ascoltare per tutto il tempo del concerto, quasi senza altri pensieri. Stati d'animo nuovi a cui altra musica non mi aveva portato. Ancora non riesco a definire con precisione quali siano le caratteristiche che rendono i loro pezzi innovativi e così capaci di lasciarsi ascoltare. Ragione in più per continuare a cercare (e a cercarmi) tra le note.
Tra poco andrò in Islanda, sono pronto a respirare...

Anonimo ha detto...

Beh io c'ero..il concerto puo anche essere stato stupendo...loro impeccabili...ma dire che c'èra una bellissima atmosfera è un po troppo...c'era una platea di forse 400 persone seduto in fila, con affianco un prato enorme e vuoto e dagli spalti vedevi delle formiche. me ne sono andato durante il bis...l'arena civica è tanto calda quanto l islanda in pieno inverno... mi spiace per loro perchè sono veramente grandi

Margot Mood ha detto...

@minor in effetti stare seduti lì davanti è stato davvero bello.
Goditi l'Islanda anche per me. Per continuare a generare artisti di questo calibro deve essere un posto ancora più incredibile di quello che ci si può immaginare. Buon viaggio!

Sofia ha detto...

C'ero anch'io, sono stati incredibilmente bravi, mi sono emozionata tantissimo. Meravigliosi :)
Sofia

Anonimo ha detto...

Ho visto due loro concerti, in location favolose...ma credo siano proprio loro ad essere così 'mistici'. Ode ai sigur ros!

minor ha detto...

Spero tu abbia potuto vedere il video "Heima" dei Sigur Ros, un video/documento di un loro tour nei luoghi più remoti dell'Islanda. Oltre alla musica è uno dei migliori documentari sull'Islanda che abbia visto finora.
In Islanda sono stato l'anno scorso e il luogo mi ha segnato a tal punto da volerci ritornare.
Un territorio profondamente diverso da quanto si possa vedere nell'europa continentale, da nord a sud, e da quanto si possa immaginare.
Una natura talmente presente e prepotente da imporsi agli uomini non solo fisicamente, ma anche emotivamente. Il "carattere" dei paesaggi in cui ci si ritrova aiuta a prendere le misure con il mondo, a sentirsi nel mondo. Terra, nel pieno senso del suo significato. Illusione di percepire "la palla" che si muove sotto i nostri piedi, che da sempre ci attrae, o che da noi è attratta.

Margot Mood ha detto...

@minor hai un flickr? se sì attendo link con le foto e inizio a programmare anche io un bel viaggio indimenticabile...

eugenio ha detto...

e io rinco che mi lo sono persi che suonavano brux